Sardinian Pills: Le Domus de Janas

Conosci le Domus de Janas, chiamate anche “Case delle fate”?

Le Domus de Janas, secondo la leggenda, ospitavano delle piccole fate, che passavano il loro tempo a filare delle stoffe preziose con dei telai d’oro, custodendole con gelosia e cura. Queste creature, potevano essere sia dolci e gentili ma anche dispettose e vendicative. Le Domus de Janas fanno parte del patrimonio archeologico della Sardegna, e sono distribuite in tutta l’isola; se ne contano circa duemilatrecento.   Al di la della spiegazione leggendaria, la funzione di queste Domos, era una funzione tombale, dell’epoca neolitica, talvolta inglobate in delle necropoli che potevano ospitare fino a quaranta sepolcri. Tra le necropoli più importanti possiamo menzionare quella di Anghelu Ruju ( 3200-2800 a.C.) ad Alghero, nella località Li Piani, e la Necropoli di Sant’Andrea Priu (3500-2900 a.C), nel territorio di Bonorva.

Nell’immagine abbiamo un esempio di Domus de Janas scavata all’interno di un monolite molto friabile affiorante alla base di un batolite granitico, ricco di tafoni e anfratti, la domus sorge solitaria ai piedi di Monte “Gai”, a Nord del villaggio di Oddoène. Essa è costituita da un unico vano, nel cui ingresso si intravede, alla destra di chi guarda, un residuo dell’originaria scanalatura in cui si incastrava il portello di chiusura.

Se ti è piaciuta questa “puntata” di Sardinian Pills, seguici e metti mi piace alla nostra pagina facebook e non perderti le prossime “pillole”

 

Dai un’occhiata anche alla nostra pagina dedicata alle aree archeologiche in Sardegna:  https://www.andaliatour.com/archeologia/

 

Fonti 

Sardegna Esoterica di Gianmichele Lisai

Sito web Comune di Onifai 

 

Book Now Book Now