Sardinian Pills: Le Tombe dei Giganti

 

Sardinian Pills: Continuiamo con le nostre pillole di Archeologia! ???

Conosci le Tombe dei Giganti? Sai che funzione avevano?

Non lontano da Orosei, nel territorio di Dorgali, ne abbiamo un bellissimo esempio, è la Tomba dei Giganti di S’Ena e Thomes, una delle più antiche dell’isola! L’hai già visitata?!

Le Tombe dei Giganti sono delle strutture megalitiche, utilizzate dal popolo nuragico come ossari collocati a distanza dai villaggi, che si pensa potessero contenere decine e decine di corpi. Ma a cosa si deve il nome Tombe dei Giganti? Secondo la leggenda popolare grossi orchi all’interno delle tombe consumavano i loro banchetti e a questo si dovrebbe quindi il ritrovamento dei numerosi reperti ossei. Le Tombe dei Giganti sono conosciute infatti in certe zone anche con un altro nome: Sa Domu’ e s’Orcu.

Quello che rende così affascinanti queste sepolture oltre alla loro struttura, ricca di simbolismi, è anche la loro posizione. Le Tombe dei giganti infatti, secondo alcune teorie, non sarebbero state collocate in punti a caso, ma sarebbero state costruite, sulla base di una sorta di mappa esoterica, in corrispondenza dei punti dove si concentrano maggiormente i flussi energetici, in allineamento con i cerchi energetici della terra facendo si che la concentrazione dell’energia avvenisse all’interno dell’area tombale, in modo tale che l’uomo traesse dei benefici da queste energie. Si ipotizza infatti, anche sulla base delle fonti classiche, che nell’area antistante queste tombe i sacerdoti del tempo compissero dei rituali magico-terapeutici, dei riti dell’incubazione.

Ancora oggi questi luoghi vengono sfruttati da chi pratica meditazione proprio per il forte magnetismo che vi permane.

Se osserviamo dall’alto le tombe dei giganti potremmo notare che la loro forma (con il corpo tombale allungato e l’esedra con le ali che formano quasi delle corna) ricorda quella di una testa di toro. In epoca nuragica il dio Toro veniva venerato accanto alla dea Madre, simbolo di forza e virilità l’uno e di fertilità l’altra.

Chi veniva sepolto nelle tombe dei giganti? L’ipotesi tradizionale vede nelle tombe dei giganti le sepolture collettive di tutto il villaggio, senza distinzione di rango. Questo tuttavia può essere vero per le tombe più antiche, ma é ragionevole pensare che nel corso della sua evoluzione la società nuragica abbia finito col vedere l’emergere di alcuni gruppi familiari sul resto della tribù, per i quali non é ipotizzabile un rituale funerario collettivo indistinto, per cui in questa seconda fase le tombe divengono probabilmente vere e proprie sepolture familiari o di clan.

Se ti è piaciuta questa “puntata” di Sardinian Pills, seguici e metti mi piace alla nostra pagina facebook e non perderti le prossime “pillole”

 

Dai un’occhiata anche alla nostra pagina dedicata alle aree archeologiche in Sardegna:  https://www.andaliatour.com/archeologia/

 

Fonti 

La Civiltà nuragica di Paolo Melis
Sardegna Esoterica di Gianmichele Lisai

 

 

 

 

Book Now Book Now